Commissione Ricerca Qualità

Commissione Ricerca Indici di Qualità in Odontoiatria

Direzione: Dott. Bruno Cirotti

Negli ultimi anni, grazie alla liberalizzazione della pubblicità e all’abolizione del Tariffario Minimo dell’Ordine in campo medico, assistiamo ad un crescente incremento di messaggi pubblicitari rivolti al Cittadino che hanno come oggetto la Salute. Questo fenomeno si è diffuso principalmente nel settore odontoiatrico ed ha raggiunto oggi un limite allarmante.

Vengono pubblicizzate tariffe bassissime su tutti i media e principalmente nel Web in modo spropositato, ma la cosa più sconcertante, cha ha raggiunto livelli insostenibili, è che questi operatori, a fronte di tariffe che non possono garantirne la qualità, affermano di erogare servizi odontoiatrici di qualità senza che nessuno, Ente o Istituzione, possa verificare la reale sussistenza di tale qualità.

Il Tariffario minimo dell’Ordine partiva dal presupposto che al di sotto di certe tariffe non era garantita la qualità della prestazione sanitaria e con l’abolizione dello stesso, oggi, nulla e nessuno la garantisce.

L’eccessivo abbassamento dei prezzi, praticato da alcune realtà operanti nel settore odontoiatrico, oltre a rappresentare un inganno verso i pazienti, crea anche un serio danno di immagine al Medico Odontoiatra che opera nel rendere una prestazione medica odontoiatrica di alto livello, poiché all’opinione pubblica viene fatto intendere (con la pubblicità) che con certi prezzi si possono erogare servizi di alta qualità, generando l’assurdo paradosso che il Cittadino considera addirittura ladro chi non li applica per tutelare la salute dei pazienti.

Per questi motivi l’OPI, che è nata per garantire la qualità delle prestazioni odontoiatriche e la salute orale del Cittadino, ha istituito – in proprio – una Commissione di Ricerca di Indici di Qualità.

Lo scopo della Commissione è quello di individuare parametri da utilizzare come indici di valutazione della Qualità delle prestazioni odontoiatriche in modo tangibile al fine di arginare il costante ed incontrollato abuso di questo termine nella categoria. Trovare il metodo per “misurare” la Qualità per poter affermare con certezza se un determinato studio sia in grado di erogare o meno nella realtà prestazioni di Qualità, al di la di quello che va affermando, è l’unico modo per difendere la professione odontoiatrica dalle mistificazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *