L’OPI condivide integralmente il Comunicato Stampa del Direttivo Slow Medicine